Il momento migliore per andare Lisbon

Festival NOS Alive 2024, Lisbon

Un festival di musica indie, rock e pop all'aperto vicino a Lisbona.

Date: 11-13 luglio 2024

Festival NOS Alive
Festival NOS Alive
Festival NOS Alive

Per tre giorni, il comune di Oeiras in Portogallo si trasforma in un luogo di pellegrinaggio per gli ammiratori della musica indie e rock. NOS Alive è uno dei festival estivi annuali più vibranti in Europa, che riunisce artisti famosi in tutto il mondo e musicisti locali. Ogni anno, sei palchi - rock, alternative rock, pop, elettronica, fado, stand-up comedy - ospitano decine di musicisti e artisti famosi.

LineUp del Festival

La lineup del festival dal 11 al 13 luglio è ricca di un'incredibile varietà di artisti. Il 11 luglio si esibiranno Arcade Fire, The Smashing Pumpkins, Benjamin Clementine, Black Pumas, Jessie Ware, Kenya Grace, Ullinex A Gpu Panic, Nothing But Thieves, Parcels e Unknown Mortal Orchestra. L'emozione continua il 12 luglio con la headliner Dua Lipa, insieme a Tyla, Ashnikko, Aurora, Floating Points, Gloria Groove, Larkin Poe, Michael Kiwanuka, Nathaniel Rateliff Sweenight, The Heavy, T-Rex, Genesis Owusu, Jüra e Tourist. Chiude il festival il 13 luglio Pearl Jam, Sum 41, Alec Benjamin, Khruangbin, Sofi Tukker, The Breeders e The Cat Empire.

Biglietti e Posizione

Le opzioni dei biglietti includono un pass per 3 giorni al prezzo di £182,97, pass per 2 giorni a £152,15 e biglietti per un singolo giorno disponibili a £76,07. I partecipanti devono avere almeno sei anni per entrare. Tutto l'azione avviene al Passeio Marítimo de Algés.

Storia del Festival

La prima edizione dell'evento risale al 2007, quando il festival era chiamato Optimus Alive. Da quel momento, non solo il raduno ha cambiato nome in NOS Alive, ma anche centinaia di artisti si sono esibiti sui suoi palchi: Radiohead, Foals, M83, Pearl Jam, the White Stripes, Bob Dylan, Metallica, Deftones, Muse, Arctic Monkeys, Depeche Mode.

Trova hotel e airbnb vicino a Festival NOS Alive (Mappa)

Ultimo aggiornamento:
Authors: Sophia Andrus